Quantcast
Visualizza menu
Visualizza menu Visualizza campo di ricerca

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Scorri alla news precedente
Scorri alla news precedente

Il femminicidio di Monika Gruber a Bressanone

Vittima:
Monika Gruber
Killer:
Robert Kerer
Località:
Bressanone
Data:
19 aprile 2018
Foto panoramica di Bressanone
Foto panoramica di Bressanone (di Oliver Abels, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto panoramica di Bressanone
Foto panoramica di Bressanone (di Oliver Abels, licenza CC BY-SA 4.0)

Monika Gruber, 57 anni, è stata trovata morta la sera del 19 aprile 2018 nella sua abitazione a Bressanone in provincia di Bolzano. A scoprire il suo corpo senza vita sono stati i figli, preoccupati perché non avevano sue notizie da diversi giorni. Entrati in casa, hanno rinvenuto la madre distesa sul letto con delle ferite alla gola mentre sul comodino vi era un coltello insanguinato. Uno dei figli ha provato a contattare il padre che non era presente nell'appartamento. L'uomo ha risposto a una chiamata dicendo di stare andando in cielo dalla mamma, poi ha iterrotto improvviamente la comunicazione. Poco dopo ha inviato un messaggio di scuse in tedesco. Avvertiti i carabinieri, gli agenti della squadra mobile si sono subito messi sulle sue tracce.

Chiesa di Sant'Andrea dove si sono svolti i funerali di Monika Gruber
Chiesa di Sant'Andrea dove si sono svolti i funerali di Monika Gruber

Robert Kerer, 58 anni, marito della vittima, è stato bloccato nelle ore seguenti nei pressi della stazione di Bressanone. Sembrava stesse aspettando vicino ai binari un treno di passaggio per tentare il suicidio. Alcuni tagli rinvenuti sui suoi polsi hanno fatto pensare che abbia già provato in precedenza a togliersi la vita. Nella tasca dei suoi indumenti è stato trovato un foglietto su cui c'era scritto in tedesco "sono io l'assassino", come a voler lasciare agli inquirenti il messaggio dopo la sua morte. Sullo stesso foglio era anche riportato l'indirizzo dell'appartamento dove viveva con sua moglie. Successivamente, interrogato dal giudice per le indagini preliminari, si è avvalso della facoltà di non rispondere.‍[1]

L'autopsia effettuata sul corpo della cinquantasettenne ha confermato la morte per le coltellate inferte alla gola che hanno causato profondi tagli alla trachea e ai vasi sanguini provocando una forte perdita di sangue e il soffocamento per ostruzione delle vie respiratorie.‍[2]

Note

  1. ^ Bressanone, uccisa una donna. Il marito ha confessato. l'Adige. Archiviato dall'originale.
  2. ^ Bressanone, Monika Gruber uccisa con una serie di coltellate. Trentino. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici di terze parti per la raccolta di dati statistici. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando sul tasto "Accetto" o continuando la navigazione interagendo con gli altri elementi della pagina, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.