Quantcast
Visualizza menu
Visualizza menu Visualizza campo di ricerca

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Scorri alla news precedente
Scorri alla news precedente

Il femminicidio di Michela Fiori ad Alghero

Vittima:
Michela Fiori
Killer:
Marcello Tilloca
Località:
Alghero
Data:
23 dicembre 2018
Foto panoramica di Alghero scattata da un drone in volo
Foto panoramica di Alghero scattata da un drone in volo (di Benoît Prieur, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto panoramica di Alghero scattata da un drone in volo
Foto panoramica di Alghero scattata da un drone in volo (di Benoît Prieur, licenza CC BY-SA 4.0)

Michela Fiori, 40 anni, è stata uccisa da suo marito Marcello Tilloca, 42 anni, il 23 dicembre 2018 ad Alghero in provincia di Sassari. L'episodio è avvenuto in mattinata quando l'uomo è andato a fare visita alla donna nell'abitazione in cui viveva.‍[1] Sono stati momenti concitati dai quali sarebbe scaturita una violenta lite. Lei ha cercato di difendersi, ma il malintenzionato l'ha strangolata e dopo essersi accorto di averle toto la vita ha portato la sua salma sul materasso della stanza da letto rimboccandola con le coperte.‍[2] Nei minuti seguenti, come se niente fosse successo, l'uomo è uscito per andare a vedere la partita di calcetto dei due figli, poi al termine li ha riaccompagnati a casa nel luogo dove si è consumato il crimine. I ragazzini sono stati portati nella loro cameretta e da lì hanno sentito il padre piangere disperatamente nella stanza adiacente. Successivamente il quarantaduenne li ha fatti uscire e il più grande ha intravisto il corpo della madre disteso sul letto credendo che stesse ancora dormendo. I due sono stati accompagnati da un parente che li ha presi in custodia mentre l'omicida durante il pomeriggio ha telefonato all'avvocata chiedendo di voler rivedere le pratiche di separazione, senza fare minimamente accenno al fatto che la moglie fosse stata uccisa.‍[3][4] Poco più tardi, l'uomo si deciderà a consegnarsi ai carabinieri confessando il delitto.

Foto delle mura e dei bastioni sulla costa di Alghero
Foto delle mura e dei bastioni sulla costa di Alghero (di Scarabeo150, licenza CC BY 2.0)

L'esame autoptico ha confermato la morte per soffocamento evidenziando che la vittima è stata picchiata prima di essere strangolata.‍[2] Secondo le ricostruzioni sulla base delle dichiarazioni rilasciate da amici e parenti, Michela non sopportava più la relazione con Marcello perché lui non riusciva ad apportare un sostegno economico adeguato alla famiglia. Era lei quella che aveva un lavoro stabile e sul quale pesavano tutte le responsabilità. Lui svolgeva lavori saltuari e quel poco che guadagnava talvolta lo spendeva giocando d'azzardo. La situazione era divenuta esasperata quando il quarantaduenne un giorno ha sottratto al figlio lo smartphone nel tentativo di estorcere 300 euro alla moglie telefonando da un numero privato. Quando fu scoperto è stato denunciato e allontanato definitivamente dalla casa in cui viveva con la sua consorte. La donna aveva deciso di chiudere il rapporto e aveva avviato consensualmente col marito le pratiche di separazione, ma l'uomo non accettava la piega che stavano prendendo gli eventi ed era arrivato a minacciare la sua congiunta.‍[5][3] Per questo si è resa necessaria la consultazione di un centro antiviolenza.‍[6]

Alghero di notte
Alghero di notte (di Alessandro Caproni, licenza CC BY 2.0)

Il reo confesso è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario. Nel corso della sua detenzione in carcere ha inviato diverse lettere alla redazione del quotidiano la Nuova Sardegna. Nella prima lettera inviata nel febbraio del 2019, l'uomo ha accusato la stampa di aver diffuso un'immagine di sé distorta. Ha affermato che le sue azioni potrebbero essere comprese setacciando con criterio all'interno della sua vita. Con queste parole l'omicida non ha mostrato il minimo segno di pentimento per il gesto che ha compiuto.‍[7] Il mese successivo in una nuova lettera dichiara di amare ancora sua moglie e che nonostante i giornalisti lo definiscano un mostro, lui invece è persona debole distrutta da fattori stressogeni.‍[8] Ad aprile scrive chiedendo di essere compreso, si dice affranto e destabilizzato per la situzione in cui si ritrova e per quello che è accaduto. Si rivolge ai figli dicendo di volergli bene e sapendo che loro sono circondati da persone care che li faranno crescere nel migliore dei modi. I due ragazzini di 12 e 10 anni si sono trasferiti a Genova con i nonni materni.‍[9][4][2]

Note

  1. ^ Femminicidio ad Alghero: strangola la moglie e si costituisce. la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  2. ^ a b c Michela uccisa, l'autopsia conferma: "Ferita prima di morire, poi strangolata". Sardiniapost.it. Archiviato dall'originale.
  3. ^ a b Alghero, dopo aver ucciso Michela il marito pretendeva di incontrare la sua avvocata. la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  4. ^ a b Femminicidio di Alghero: dopo avere ucciso la moglie, Tilloca ha riportato i bambini in casa. la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  5. ^ Femminicidio ad Alghero, gli amici di Tilloca: "Michela era il suo bancomat". la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  6. ^ Alghero, la donna uccisa dal marito si era rivolta a un centro antiviolenza. la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  7. ^ L'assassino di Michela: la mia vita spiega il delitto. la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  8. ^ L'assassino scrive dal carcere: "Amo ancora Michela". la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
  9. ^ Tilloca: "Ho fatto del male, sono distrutto". la Nuova Sardegna. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici di terze parti per la raccolta di dati statistici. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando sul tasto "Accetto" o continuando la navigazione interagendo con gli altri elementi della pagina, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.