Visualizza menu
Visualizza menu Visualizza campo di ricerca

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

Il femminicidio di Maria Magdalena Oberhollenzer a San Giorgio di Brunico

Vittima:
Maria Magdalena Oberhollenzer
Killer:
Patrick Pescollderungg
Località:
San Giorgio di Brunico
Data:
27 dicembre 2018
Foto panoramica di San Giorgio, frazione di Brunico in provincia di Bolzano
Foto panoramica di San Giorgio, frazione di Brunico in provincia di Bolzano (di Vermondo, licenza CC BY-SA 4.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto panoramica di San Giorgio, frazione di Brunico in provincia di Bolzano
Foto panoramica di San Giorgio, frazione di Brunico in provincia di Bolzano (di Vermondo, licenza CC BY-SA 4.0)

Maria Magdalena Oberhollenzer, 54 anni, è stata trovata morta il 27 dicembre 2018 a San Giorgio di Brunico in provincia di Bolzano. La donna era assistita dai servizi sociali che in mattinata le avevano fatto visita, ma gli operatori presentatisi dinanzi all'ingresso della sua abitazione non hanno ricevuto alcuna risposta. I vicini preoccupati hanno cercato di contattarla in tutti i modi, ma era costantemente irreperibile. In serata sono stati allertati i soccorsi e il corpo senza vita di Magdalena è stato rinvenuto nell'appartamendo della palazzina dove viveva da circa un anno e mezzo. Per la scoperta si è resa necessaria la forzatura della porta, ma prima dell'irruzione non era stato notato alcun segno di effrazione. L'ispezione non ha rilevato nemmeno elementi che lasciassero presupporre un suicidio, dunque gli investigatori hanno cominciato sin da subito a percorrere la pista dell'omicidio.‍[1][2] Ipotesi successivamente confermata dal rinvenimento di tracce biologiche di un'altra persona all'interno dell'appartamento, più il responso dell'autopsia che aveva stabilito la morte per soffocamento. La cinquantaquattrenne era stata prima picchiata, poi strangolata.‍[3]

Il 13 gennaio 2019 i carabinieri hanno arrestato Patrick Pescollderungg, 34 anni, residente di Brunico accusato di essero l'autore del delitto. L'uomo ha inizialmente reso dichiarazioni contraddittorie, poi dopo un lungo interrogatorio è crollato di fronte agli inquirenti e ha confessato l'omicidio rivelando che non era sua intenzione uccidere la donna, ma che il tragico evento sarebbe avvenuto a causa di una pratica erotica estrema finita male. Nonostante ciò, è fuggito dall'appartamento senza chiamare i soccorsi e avrebbe anche portato via con sé il portafoglio della vittima. Il 17 gennaio il giudice per le indagini preliminari conferma nei suoi confronti il provvedimento di fermo e l'accusa di omicidio volontario.‍[4][5]

Note

  1. ^ Donna trovata morta a Brunico: si indaga per omicidio. Trentino. Archiviato dall'originale.
  2. ^ Brunico, morta in casa: l'omicida conosceva la vittima. Trentino. Archiviato dall'originale.
  3. ^ Donna uccisa a Brunico: trovate tracce biologiche nell'appartamento. Trentino. Archiviato dall'originale.
  4. ^ Omicidio di Brunico, confessa il presunto assassino: "Incidente durante una pratica erotica estrema". Trentino. Archiviato dall'originale.
  5. ^ "Non volevo ucciderla, è stato un gioco erotico finito in maniera tragica". Trentino. Archiviato dall'originale.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.