Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

L'omicidio di Maria Miotto a Faenza

Vittima:
Maria Miotto
Killer:
Franco Valgimigli
Località:
Faenza
Data:
5 agosto 2019
Uno scorcio panoramico di Faenza in high dynamic range
Uno scorcio panoramico di Faenza in high dynamic range (di PMorelli1969, licenza CC BY-SA 4.0)
Uno scorcio panoramico di Faenza in high dynamic range
Uno scorcio panoramico di Faenza in high dynamic range (di PMorelli1969, licenza CC BY-SA 4.0)

La signora Maria Miotto, 79 anni, è stata uccisa dal marito Franco Valgimigli, 87 anni, il 5 agosto 2019 a Faenza in provincia di Ravenna.

La tragedia si è consumata nelle prime ore del mattino all'interno dell'abitazione dell'anziana coppia. L'uomo avrebbe premeditato il delitto preparando un cappio con il quale si sarebbe dovuto suicidare, dopo aver colpito la moglie a martellate mentre dormiva nel letto. La donna non è morta all'istante e l'ottantasettenne, in preda alla disperazione, ha telefonato la figlia comunicandole che la mamma non stava bene. Avrebbe anche inviato un messaggio annunciando l'intenzione di togliersi la vita.

La figlia dunque si è precipitata a casa dei genitori allertando i soccorsi. Valgimigli non avrebbe trovato la forza di compiere il gesto estremo ed è stato ritrovato in stato confusionale dai parenti e dai medici giunti sul posto. Nel frattempo la signora Miotto, gravemente ferita ma ancora in vita, è stata trasportata all'ospedale. Purtroppo le sue condizioni erano molto critiche e non è riuscita a sopravvivere. È morta poche ore dopo.

Nell'appartamento sono stati ritrovati dei biglietti in cui l'ottantasettenne avrebbe scritto le motivazioni del proprio gesto, presumibilmente legate ai problemi di salute derivanti dalla vecchiaia. L'anziano è stato arrestato e, interrogato dai carabinieri, ha confessato di aver aggredito la moglie senza però fornire un movente. È stato trasportato al reparto di psichiatria dell'ospedale di Ravenna, accusato di omicidio volontario aggravato.‍[1][2]

Sottoposto nei mesi successivi a una perizia psichiatrica, è stato valutato seminfermo. Valgimigli è stato rinviato a giudizio e trasferito agli arresti domiciliari in una struttura specializzata. Tuttavia il processo non è giunto a sentenza perché l'uomo è deceduto il 17 agosto 2020.‍[3]

Note

  1. Faenza, ammazza la moglie a martellate. L'uomo aveva pianificato tutto: prima ucciderla e poi togliersi la vita impiccandosi. RavennaNotizie.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 agosto 2019.
  2. Uccide la moglie a martellate, disposta l'autopsia: "Chiederemo una perizia per l'anziano omicida". Ravenna Today. Archiviato dall'originale. Consultato il 7 agosto 2019.
  3. Uccise la moglie a martellate. Morto anche lui, niente processo. ilrestodelcarlino.it. Consultato il 13 ottobre 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.