Visualizza menu Visualizza campo di ricerca
Visualizza menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia precedente

L'omicidio di Lucia Benedetto a Sesto San Giovanni

Vittima:
Lucia Benedetto
Killer:
Corrado Badagliacca
Località:
Sesto San Giovanni
Data:
23 aprile 2019
Foto dell'Istituto Galli Breda di Sesto San Giovanni, a pochi passi dal luogo del delitto
Foto dell'Istituto Galli Breda di Sesto San Giovanni, a pochi passi dal luogo del delitto (di Cristina Meneguzzo, licenza CC BY-SA 3.0)
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto dell'Istituto Galli Breda di Sesto San Giovanni, a pochi passi dal luogo del delitto
Foto dell'Istituto Galli Breda di Sesto San Giovanni, a pochi passi dal luogo del delitto (di Cristina Meneguzzo, licenza CC BY-SA 3.0)

Lucia Benedetto è stata trovata morta nel tardo pomeriggio di martedì 23 aprile 2019 nella sua abitazione del quartiere Rondinella a Sesto San Giovanni in provincia di Milano. A rinvenire disteso sul pavimento il corpo senza vita della donna, casalinga di 49 anni, è stato il marito di ritorno dal lavoro. Dopo aver allertato i soccorsi, i carabinieri sono giunti sul posto e la scena del crimine è stata setacciata per i primi rilievi. Due particolari hanno inizialmente insospettito gli investigatori: l'ingresso non presentava segni di effrazione e nell'appartamento non vi erano elementi che facessero presupporre lo svolgimento di una rapina. L'ispezione medica aveva anche escluso l'ipotesi di suicidio. Il figlio Corrado Badagliacca, 21 anni, non era in casa e nelle ore successive i parenti hanno provato a rintracciarlo, ma risultava irreperibile.‍[1][2]

I militari sono riusciti a scovarlo nel pomeriggio del giorno seguente mentre vagava nella zona industriale di Cinisello Balsamo. Il ragazzo ha provato a fuggire e, una volta bloccato dagli agenti, ha opposto resistenza. Scortato in caserma, era in stato di shock e non è riuscito a rispondere ad alcuna domanda di fronte agli inquirenti. Dalle successive ricostruzioni delle indagini è emerso che è stato lui a uccidere la madre. Le telecamere del condominio dove viveva lo hanno filmato mentre entrava e usciva dall'edificio quando la vittima era ancora all'interno dell'appartamento. La donna aveva diverse ferite sul corpo, ma quella mortale è stata inferta alla gola. È stata sgozzata con un coltello levatorsoli sul quale sono state rinvenute le impronte del ventunenne. Di fronte a tali elementi è stato confermato nei confronti dell'accusato l'arresto per omicidio volontario.‍[2][3][4]

Il ragazzo presentava segni di squilibrio mentale e col passare del tempo la sua situazione peggiorava. Per questo motivo proprio il giorno del delitto i suoi genitori avevano avuto un appuntamento presso il Centro Psicosociale di Sesto San Giovanni per fargli intraprendere un percorso di cura. Decisione che sarebbe stata meditata anche in passato, ma il figlio si era più volte rifiutato con insistenza di accettare di sottoporsi a un'analisi per disturbo psichiatrico. Si presuppone dunque che l'efferato gesto sia l'esito di una violenta lite avvenuta quando la signora Lucia era rincasata dopo il colloquio al centro. In seguito al provvedimento di fermo, il ventunenne è stato detenuto in carcere e poi trasferito nel reparto psichiatrico Villa Serena dell'ospedale San Gerardo di Monza.‍[5]

Il mese successivo è stata condotta una perizia psichiatrica che ha stabilito che Corrado Badagliacca era incapace di intendere e di volere nel momento in cui ha commesso il delitto.‍[6]

Note

  1. ^ Donna trovata morta in casa a Sesto San Giovanni: sul collo una ferita da coltello. Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 maggio 2019.
  2. ^ a b Sesto, donna uccisa in casa: il figlio sotto choc fa scena muta in caserma. Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 maggio 2019.
  3. ^ Donna uccisa in casa: in manette il figlio con problemi di droga. IlGiornale.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 maggio 2019.
  4. ^ Donna uccisa a Sesto, le impronte del figlio firmano il massacro. Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 maggio 2019.
  5. ^ Donna uccisa a Sesto, perizia psichiatrica per il figlio. Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 maggio 2019.
  6. ^ Sesto, uccise la madre: è infermo di mente. Il Giorno. Archiviato dall'originale. Consultato il 4 giugno 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.