Visualizza menu
Visualizza menu Visualizza campo di ricerca

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Scorri alla news precedente
Scorri alla news precedente

L'omicidio di Hannioui Khaddouj a Finale Emilia

Vittima:
Hannioui Khaddouj
Killer:
Mohammed El Fathi
Località:
Finale Emilia
Data:
22 marzo 2019
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+

Hannioui Khaddouj, cinquantenne di origini marocchine è stata sgozzata in casa il 22 marzo 2019 da suo nipote Mohammed El Fathi, 32 anni, a Finale Emilia in provincia di Modena. È stato il figlio diciassettenne a scoprire il corpo esanime della mamma in una pozza di sangue. Il ragazzo, scolvolto, è subito sceso in strada in cerca di aiuto. I vicini hanno chiamato il padre, lontano dal luogo in quel momento, e i carabinieri che sono successivamente giunti sul posto.‍[1]

Dopo aver commesso il delitto, Mohammed si era chiuso a chiave in una stanza dell'abitazione e le forze dell'ordine hanno dovuto sfondare la porta per arrestarlo. È stato ritrovato sul divano in stato confusionale con la testa fra le mani e, accando a sé, il coltello utilizzato per colpire la zia. L'uomo soffriva di disturbi psichiatrici ed era uscito pochi giorni prima da Villa Igea, la casa di cura dove aveva iniziato i ricoveri dal 2015.‍[1] Da una prima ispezione della Medicina legale intervenuta sul luogo del decesso, è stato reso noto che l'omicida ha ferito mortalmente la vittima con una trentina di fendenti che hanno colpito il collo, l'addome e la schiena.‍[2][1]

In una dichiarazione rilasciata alla stampa, la procuratrice di Modena Lucia Musti ha affermato che "il padre e lo zio dell'arrestato si sono sempre adoperati a che il congiunto si sottoponesse alle cure necessarie per fronteggiare la patologia psichiatrica che affliggeva il giovane" e che "il folle gesto appare senza movente e senza spiegazione".‍[3]

Diversamente da quanto stimato inizialmente dai primi rilievi effettuati sulla scena del crimine, l'autopsia svolta successivamente ha constatato che le coltellate inferte sul corpo della donna sono state sessantasei, delineando una brutalità ancora maggiore dell'omicidio.‍[2]

Note

  1. ^ a b c Omicidio Finale Emilia, donna sgozzata. La macabra scoperta del figlio. Il Resto del Carlino. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 aprile 2019.
  2. ^ a b Khaddouj uccisa con 66 coltellate. Ora il funerale. Gazzetta di Modena. Archiviato dall'originale. Consultato il 16 aprile 2019.
  3. ^ Uccide la zia, Pm 'delitto folle'. ANSA.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 15 aprile 2019.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.