Menu Ricerca voce
Menu
Oggi è la Giornata Internazionale per l'eliminazione della violenza contro le Donne.

È una ricorrenza importante che, nell'obiettivo di eliminare qualsiasi forma di violenza nella piena affermazione dei diritti di tutti gli esseri umani, pone una marcata attenzione sul fenomeno della violenza contro le donne.

È stata ufficialmente istituita dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite il 17 dicembre 1999 con la risoluzione 54/134 che richiamava i principi espressi nella risoluzione 48/104 del 23 dicembre 1993 sull'eliminazione della violenza contro le donne.

Il suddetto documento riconosce che la violenza contro le donne rappresenta, storicamente, la manifestazione della disuguaglianza tra i generi che ha portato nel tempo gli uomini alla dominazione e alla discriminazione nei confronti delle donne. Fenomeni che hanno ostacolato l'avanzamento delle donne nella società, spesso ponendole in posizioni di subordinazione.

Per questi motivi l'Assemblea ha ritenuto urgente il bisogno di istituire una giornata per ricordare che la violenza perpetrata sulle donne costituisce un ostacolo all'uguaglianza, la sicurezza, la libertà, l'integrità e la dignità di tutti gli esseri umani.

È stato scelto quel giorno per commemorare le "Sorelle Mirabal", tre donne uccise il 25 novembre del 1960 nella Repubblica Dominicana per essersi opposte alla dittatura di Rafael Trujillo, presidente che aveva governato il paese centroamericano dal 1930 al 1961.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

L'omicidio di Rosa Santucci a Riccione

Vittima:
Rosa Santucci
Killer:
Alessio Berilli
Località:
Riccione
Data:
7 gennaio 2020
Foto della Statua della Madonna del Mare a Riccione in provincia di Rimini
Foto della Statua della Madonna del Mare a Riccione in provincia di Rimini
Foto della Statua della Madonna del Mare a Riccione in provincia di Rimini
Foto della Statua della Madonna del Mare a Riccione in provincia di Rimini

Rosa Santucci, 88 anni, è stata trovata morta la mattina del 7 gennaio 2020 all'interno della sua abitazione di Riccione in provincia di Rimini.‍[1]

A dare l'allarme è stata una vicina di casa, avvertita dal nipote che era andato a bussare alla sua porta, rifendendo che la nonna era caduta a terra e non si rialzava più.‍[2] Al rinvenimento, il cadavere della vittima era riverso a terra con una profonda ferita alla testa, intorno alla zona oculare. Secondo l'ispezione del medico legale, l'anziana sarebbe stata colpita violentemente al volto con un oggetto contundente.

In seguito all'arrivo dei carabinieri sulla scena del crimine, è stato fermato proprio il nipote della donna, Alessio Berilli, 42 anni, considerato il principale indiziato. Quest'ultimo si era trasferito a convivere con la nonna da circa un anno, dopo che lei era rimasta vedova. Al termine di un lungo interrogatorio, l'uomo ha confessato il delitto sostenendo di aver provocato la morte della donna durante un litigio.‍[1]

Il quarantaduenne soffriva di disagi psichici ed era in cura da quasi 20 anni nel centro di igiene mentale di Riccione per schizofrenia affettiva.‍[2][3] La nonna, originaria di Macerata Feltria (Pesaro e Urbino), non aveva avuto problemi di maltrattamenti in passato e, anche se si faceva aiutare dal nipote in alcuni lavoretti, era completamente autosufficiente. L'uomo è stato successivamente arrestato e detenuto in ospedale nel reparto di psichiatria.‍[4] L'autopsia effettuata sul cadavere della ottantottenne avrebbe stabilito il decesso per una serie di fratture multiple al cranio: l'aggressore l'avrebbe colpita più volte alla testa accanendosi contro di lei.‍[5]

Nei confronti di Berilli è stato convalidato l'arresto da parte del giudice per le indagini preliminari. La procura di Rimini ha richiesto un incidente probatorio per valutare la sua capacità di intendere e di volere.‍[6]

Note

  1. a b Omicidio Riccione, nonna uccisa. Nipote confessa, arrestato. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 gennaio 2020.
  2. a b Nonna uccisa a Riccione. "Non volevo", tre giorni prima Berilli era andato dai carabinieri. ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 9 gennaio 2020.
  3. Anziana uccisa a Riccione, arrestato il nipote. AGI. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 gennaio 2020.
  4. Omicidio Riccione, vicini sotto choc. "Rosa era un angelo". ilrestodelcarlino.it. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 gennaio 2020.
  5. Omicidio di viale Chieti: Berilli avrebbe sfogato la sua rabbia sul cranio della nonna. RiminiToday. Archiviato dall'originale. Consultato il 10 gennaio 2020.
  6. Nonna uccisa a Riccione, convalidato arresto per Berilli. Chiamamicitta. Archiviato dall'originale. Consultato il 13 gennaio 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.