Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Il femminicidio di Rubina Chirico a Caserta

Vittima:
Rubina Chirico
Presunto killer:
Edoardo Chirico
Località:
Caserta
Data:
23 maggio 2020
Foto della Reggia di Caserta
Foto della Reggia di Caserta
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Foto della Reggia di Caserta
Foto della Reggia di Caserta

Rubina Chirico, 52 anni, è stata uccisa dal figlio Edoardo, 24 anni, nel pomeriggio del 23 maggio 2020 nella sua abitazione a Caserta.‍[1]

Dopo aver compiuto il delitto, il ragazzo si è presentato sotto choc nella locale questura, confessando agli agenti il proprio gesto. Quando i poliziotti sono giunti nell'appartamento, hanno rinvenuto il corpo senza vita della donna nella camera di letto. La vittima era stata accoltellata con almeno 20 fendenti.‍[2]

La signora Chirico soffriva di problemi psichici. Secondo le ricostruzioni, molti anni prima gli fu tolto l'affidamento del figlio che venne prima trasferito in una casa famiglia e poi accolto da un fratello della donna in Umbria. Il giovane, proprio due giorni prima, aveva lasciato Spello, comune in cui risiedeva nella provincia di Perugia, per tornare a Caserta, per fare visita alla madre dopo il periodo di lockdown per la pandemia di Coronavirus.‍[3]

Purtroppo però qualcosa nella convivenza fra i due ha fatto scattare la furia omicida. Il ragazzo davanti agli inquirenti avrebbe dichiarato che i rapporti fra lui e la madre si erano deteriorati da tempo e che la donna lo sottoponeva a forti pressioni, diventate per lui insopportabili.‍[4] Nei confronti del ventitreenne è stato convalidato il fermo da parte del giudice per le indagini premilinari, ravvisando l'aggravante della premeditazione poiché lo stesso indiziato durante l'interrogatorio avrebbe ammesso di aver organizzato il delitto alcune settimane prima dell'accaduto. Nelle settimane successive la procura ha disposto una perizia psichiatrica per accertare la capacità di intendere e di volere del giovane.‍[5]

Note

  1. ^ Caserta, uccide la madre a coltellate e poi si costituisce: era tornato da due giorni a casa. la Repubblica. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  2. ^ Tragedia familiare a Caserta," ho ammazzato mia madre": ecco chi è la vittima. Corriere CE. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  3. ^ Il dramma di Corsa Trieste. Due vite difficili: il figlio della donna assassinata affidato ai servizi sociali, poi a uno zio. Poi il ritorno a Caserta e lo scontro. CasertaCE. Archiviato dall'originale. Consultato il 23 maggio 2020.
  4. ^ La confessione: "Venite, ho ucciso mamma, ecco perché l'ho fatto". Il Messaggero. Archiviato dall'originale. Consultato il 24 maggio 2020.
  5. ^ Caserta – Uccise la madre a coltellate, richiesta perizia psichiatrica per infermità mentale. Paese News. Archiviato dall'originale. Consultato il 17 giugno 2020.
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.