Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

La morte di Inirida Roa Sierra a Civitavecchia

Vittima:
Inirida Roa Sierra
Località:
Civitavecchia
Data:
1 aprile 2022
Uno scorcio di Civitavecchia in provincia di Roma

Uno scorcio di Civitavecchia in provincia di Roma (di Ulf Heinsohn, licenza CC BY-SA 4.0)

Voce su Inirida Roa Sierra

Uno scorcio di Civitavecchia in provincia di Roma

Uno scorcio di Civitavecchia in provincia di Roma (di Ulf Heinsohn, licenza CC BY-SA 4.0)

Inirida Roa Sierra, 45 anni, è stata trovata morta nel corso della mattinata del 1º aprile 2022 all'interno dell'abitazione in cui risiedeva a Civitavecchia in provincia di Roma.‍[1][2] A chiamare i soccorsi era stato il marito convivente, Gaetano Notargiacomo, ex ferroviere di 73 anni in pensione. La donna era originaria del Venezuela, ma viveva da circa 20 anni in Italia.‍[3]

I poliziotti giunti sul posto hanno rinvenuto il corpo esanime della quarantacinquenne, ormai deceduta. Il marito ha riportato la propria versione dei fatti riferendo agli agenti che la moglie era chiusa in camera da letto e non rispondeva. Lui ha così sfondato la finestra per entrare nella stanza e ha trovato la vittima a terra con un sacchetto di plastica in testa. Di seguito avrebbe tentato di rianimarla, ma non c'è stato nulla da fare, poi ha allertato i soccorsi. A suo dire, la donna si sarebbe tolta la vita utilizzando proprio quel sacchetto per soffocarsi.‍[4]

Il racconto dell'uomo in un primo momento non ha convinto i poliziotti che lo hanno accompagnato nel locale commissariato. Notargiacomo è stato così sottoposto a fermo, sospettato dell'omicidio della moglie. Secondo un primo esame medico legale della salma, la vittima sarebbe deceduta per soffocamento. Da stabilire se l'aggressione sia stata compiuta da un soggetto terzo. In ogni caso il tutto sarebbe avvenuto nel corso della mattinata, intorno alle ore 10.00.‍[5][6]

Secondo le ricostruzioni, intorno al 2012 la relazione tra i due coniugi aveva affrontato un primo periodo di crisi. Ai tempi la donna aveva accusato il marito di molestie nei confronti della figlia. Il procedimento a carico di Notargiacomo però si era concluso con un nulla di fatto. La moglie aveva poi ritrattato la sua dichiarazione ed era stata sottoposta ad un trattamento sanitario obbligatorio che le aveva riscontrato una sindrome bipolare.

La coppia aveva due figli, un ragazzo di 16 anni e una ragazzina di 11, la cui custodia era stata revocata nel 2020 dal Comune di Civitavecchia. Contestualmente a tale vicenda la signora Roa Sierra fu trasferita in una struttura protetta perché vittima di violenze domestiche. In quel periodo avrebbe anche consegnato una pennetta USB all'amica suggerendole: "Se mi succede qualcosa, le risposte sono tutte qui", facendo presupporre ai conoscenti più stretti che lei fosse sottoposta a maltrattamenti.‍[4] Negli ultimi tempi però la quarantacinquenne era tornata a convivere con Notargiacomo.‍[7]

Dopo un lungo interrogatorio in commissariato durato diverse ore, il settantatreenne è stato rilasciato a piede libero. Non sarebbero emersi a suo carico elementi concreti per trattenerlo. La Polizia tuttavia continua a indagare e la Procura ha disposto l'autopsia per chiarire le circostanze del decesso della donna. Secondo i primi risultati degli accertamenti, la vittima non aveva segni di violenza sul corpo, dunque il suicidio sarebbe stato annoverato tra le ipotesi maggiormente plausibili. Non è stato comunque del tutto escluso che la quarantacinquenne sia stata violentemente aggredita.‍[8][9]

Sono in corso le indagini della Polizia, coordinata dalla locale Procura della Repubblica, per accertare con maggior dettaglio la dinamica dell'accaduto.

Note

  1. Civitavecchia. Donna morta in casa a via Fratelli Cervi: sospettato il marito della vittima. Civonline.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º aprile 2022.
  2. Donna morta in via Fratelli Cervi. Fermato il marito. TRC Giornale. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º aprile 2022.
  3. Inirida, una vita difficile. TRC Giornale. Archiviato dall'originale. Consultato il 5 aprile 2022.
  4. a b Donna trovata morta in casa, il marito si difende: "Non sono un mostro, si è suicidata". Fanpage. Archiviato dall'originale. Consultato il 3 aprile 2022.
  5. Femminicidio a Civitavecchia, trovata morta in casa: sospettato il marito. Corriere.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 aprile 2022.
  6. Soffocata con un sacchetto di plastica. Civonline.it. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 aprile 2022.
  7. Civitavecchia. Omicidio in via Cervi, fermato il marito della vittima. EtruriaNews. Archiviato dall'originale. Consultato il 1º aprile 2022.
  8. Civitavecchia, 44enne trovata morta in casa: il marito interrogato e rilasciato. Canale Dieci. Archiviato dall'originale. Consultato il 2 aprile 2022.
  9. Giallo di via Fratelli Cervi, la verità dagli esami tossicologici. TRC Giornale. Archiviato dall'originale. Consultato l'8 aprile 2022.

Cara/o utente, spero tu abbia apprezzato il contenuto di questa pagina.

FemminicidioItalia.info è un progetto informativo nato nei primi mesi del 2019 dedicato alla raccolta di dati e notizie su casi recenti e passati di femminicidio in Italia, nonché sul fenomeno della violenza sulle donne nel nostro paese.

Nel corso del tempo lo sviluppo del sito è aumentato a dismisura. Le pagine sono diventate centinaia e le voci di approfondimento sono costantemente monitorate per fornire gli ultimi aggiornamenti. Teniamo traccia delle notizie e riportiamo quelle più importanti avendo sempre cura di citare le fonti per ringraziare i giornalisti del loro arduo lavoro.

Tuttavia la gestione del progetto è diventata anche più complessa e dispendiosa. Se credi nella bontà del nostro operato e ti va di contribuire, potresti darci una mano oppure considerare di effettuare una donazione. Con Brave puoi anche donare i tuoi BAT cliccando sull'icona Basic Attention Token in alto a destra. Anche una piccola somma può significare un grande aiuto affinché il sito rimanga in vita e continui a essere aggiornato. Grazie.