Il femminicidio di Mary Cirillo a Monasterace Marina

Vittima:
Mary Cirillo
Killer:
Giuseppe Pilato
Località:
Monasterace Marina
Data:
18 agosto 2014

Uccisa a 31 anni dal marito Giuseppe Pilato il 18 agosto del 2014 nella sua abitazione di Marina di Monasterace in provincia di Reggio Calabria. Il delitto è avvenuto nel tardo pomeriggio, al culmine di una violenta lite, ascoltata anche dai vicini che hanno avvertito i carabinieri. Prima dell'arrivo dei militari, l'uomo ha sparato due colpi di pistola all'indirizzo della moglie e poi è fuggito. Nei minuti successivi, la prima a scoprire il corpo senza vita della vittima è stata la figlia di 10 anni, di ritorno a casa.

I carabinieri si sono messi sulle tracce dell'omicida, rimasto in fuga per diversi giorni. Il trentenne si è costituito spontaneamente alla caserma di Monasterace il 23 agosto successivo, riferendo di non ricordare nulla di quanto accaduto e respingendo qualsiasi addebito. La coppia aveva 4 figli, ma negli ultimi tempi il loro matrimonio era in crisi. Secondo gli inquirenti, l'uomo avrebbe agito per gelosia premeditando l'esecuzione della donna.

Nel novembre del 2016 è stato condannato in primo grado all'ergastolo. Nel 2018, nel corso del processo in Appello, Pilato ha confessato per la prima volta il delitto. Nei suoi confronti la Corte ha ridotto la pena a 26 anni di reclusione, escludendo l'aggravante della premeditazione.

Nel dicembre del 2019 la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza con rinvio in Appello, limitatamente al trattamento sanzionatorio e, in particolare, ai benefici derivanti dalla concessione del rito abbreviato. Nel settembre del 2020 la sentenza d'Appello bis ha rideterminato la pena a 17 anni nei confronti dell'imputato.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.