Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Monza. Maltrattata dal compagno: l'escalation di violenze durante il lockdown. Trova il coraggio di denunciare e l'uomo finisce in carcere.

Miniatura della notizia (Miniatura di Gabriele Barni su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Una donna di 32 anni, da poco trasferitasi dall'Est Europa a Monza insieme al compagno di 30 anni, è riuscita a trovare il coraggio di denunciare le violenze di quest'ultimo chiamando la polizia. Gli agenti della locale squadra mobile hanno avviato le indagini, accertando i maltrattamenti pur non trattandosi di un contesto degradato: lui lavorava con un buon reddito come impiegato.

Bastava guardare il volto della vittima, segnato da lividi e tumefazioni. La mamma, che vive a Milano, ha confermato i racconti disperati della figlia. La situazione era peggiorata durante il periodo di lockdown, nel quale però la donna non ha più voluto sopportato le continue angherie caratterizzate da violenze fisiche e psicologiche.

Una volta stilato un rapporto approfondito, il fascicolo della polizia è arrivato nelle mani del gip che successivamente ha disposto un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per l'aguzzino con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.