Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Carini. Un anno fa la morte di Anna Maria Scavo. Un incontro con l'ex compagno e il figlio che risultò per lei fatale.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di IlDirettore su Panoramio, licenza CC BY 3.0)

Era il 15 giugno di un anno fa quando Anna Maria Scavo, 36 anni, perse la vita in circostanze abbastanza controverse. La donna quel giorno si trovava al lavoro in un negozio di Carini (Palermo) e durante le prime ore del pomeriggio ricevette la visita del marito dal quale era separata, Marco Ricci, 41 anni, e suo figlio di 14 anni. Da quell'incontro la 36enne ne uscì morta.

Ricci sostenne che l'ex compagna andò in escandescenze, aggredendo il figlio. Lui, per difendere il minorenne, ferì accidentalmente la donna con un taglierino. Racconto che inizialmente fu confermato dal ragazzo. Tuttavia gli inquirenti non ci hanno mai creduto. Sulla scena del crimine furono ritrovate due siringhe e l'autopsia rilevò tracce di acido sul volto e nella bocca della vittima.

Strano e particolare anche il fatto che, come ricostruito da alcune testate giornalistiche, l'uomo e il figlio si sarebbero barricati all'interno del negozio quando la donna era esanime e dovettero intervenire i vigili del fuoco per fare irruzione nel locale. Che sia stata una spedizione punitiva e premeditata nei confronti della donna?

Non è un'ipotesi da escludere, infatti è l'accusa che sostiene la procura. Proprio il mese scorso il pm titolare dell'inchiesta ha richiesto il rinvio a giudizio nei confronti di Ricci, che nei giorni successivi all'accaduto fu sottoposto a fermo di indiziato di delitto e il gip convalidò la permanenza in carcere.

Per quanto riguarda il figlio, nei suoi confronti starebbe procedendo la procura dei minori, in un'analoga inchiesta per concorso in omicidio.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.