Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Fara. Omicidio Paola Malavasi. La vittima era preoccupata, un'amica le avrebbe consigliato di non andare a quell'incontro.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Con la pandemia Sergio Guerzoni e Paola Malavasi si erano persi di vista, si sentivano ogni tanto ma non si erano più incontrati. Poi era arrivata la rottura. Quello di ieri doveva essere un incontro, richiesto da lui, per chiarirsi un'ultima volta.

La signora Paola però era preoccupata. Si sarebbe confidata con un'amica che le aveva consigliato di non andare all'appuntamento. Non c'erano mai state minacce o violenze ma quell'ultimo incontro preoccupava la donna che ha due figli grandi che vivono in Germania e in Francia.

Nonostante i timori la 57enne ha comunque deciso di incontrare il suo ex. lo ha raggiunto a Fara Novarese. I vicini di casa hanno sentito le urla della lite che è scoppiata nell'appartamento ieri pomeriggio, ma non hanno capito la gravità della situazione. È stato Guerzoni a dare l'allarme quando si è presentato in caserma circa 15 minuti dopo aver assassinato la ex. "L'ho combinata grossa, ho ucciso una donna", ha detto.

Nelle ultime ore è stata disposta l'autopsia sulla salma della vittima mentre Guerzoni, al termine dell'interrogatorio in caserma, è stato portato in carcere a Novara in attesa dell'udienza di convalida presieduta dal gip.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.