Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Torpignattara di Roma. Picchia la moglie con il neonato in braccio e la figlia: arrestato un 42enne.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Matteo Fuganti 1993 Roma su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Una violenta aggressione è avvenuta nella serata di sabato 13 giugno 2020 a Torpignattara, nota zona di Roma. Un uomo di 42 anni del Bangladesh ha aggredito per l'ennesima volta la moglie, sua connazionale di 37 anni, dopo una lite scoppiata tra le mura domestiche per futili motivi.

La donna aveva tra le braccia il figlio di nemmeno un anno, questo non ha però impedito all'uomo di scagliarsi contro di lei. Ad assistere alla scena di violenza anche l'altra figlia della coppia, una ragazzina di 16 anni. Quest'ultima ha provato a calmare il padre per evitare che continuasse a picchiare la madre, ma è stata colpita anche lei dall'uomo. In preda alla paura, poco dopo le 22 è stata proprio la 16enne ad allarmare le forze dell'ordine per mettere fine ai maltrattamenti.

In seguito alla richiesta di aiuto della giovane, immediato è stato l'intervento delle forze dell'ordine sul luogo dell'aggressione. I poliziotti hanno trovato madre e figlia terrorizzate e in lacrime. Ai poliziotti la donna ha confessato che i maltrattamenti andavano avanti da circa due anni. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di maltrattamenti in famiglia.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.