Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Roma. Revenge Porn. Ricatta una 18enne e la costringe a girare video osé: un 31enne condannato a 5 anni per violenza sessuale.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Ha costretto una ragazza poco più che maggiorenne, sotto la minaccia di divulgare sue foto e video "in atteggiamenti intimi" a compiere atti di autoerotismo riprendendosi in video. Un 31enne è stato condannato dal tribunale di Roma in rito abbreviato alla pena di 5 anni con le accuse di violenza sessuale, tentata violenza sessuale e revenge porn.

I fatti sono avvenuti nel settembre del 2019. L'uomo, ora in carcere, aveva conosciuto un ragazzo al quale ha dato 25 grammi di hashish in cambio di foto osé della sua fidanzata. A quel punto l'uomo ha contattato su internet la giovane e l'ha ricattata, costringendola a "riprendersi in video nell'atto di compiere atti sessuali consistiti in atti di autoerotismo violenti".

Poi però è andato oltre, puntando a incontrare la vittima di persona. "Se dai buca domani, ho salvato video, foto, carico su Facebook e Instagram, già fatto stampa di 500 fotocopie delle foto che manderò ai tuoi familiari e le faccio girare sui muri del quartiere" le ha scritto in un messaggio. L'uomo, fortunatamente per la ragazza, non è riuscito nel suo intento "per fatti indipendenti dalla sua volontà". Secondo l'accusa, però, ha compiuto "atti idonei diretti in modo non equivoco a costringere la ragazzina a concedersi per un rapporto sessuale anche con atti violenti".

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.