Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Alghero. Caso Speranza Ponti. Nuova ipotesi sull'omicidio: colpita violentemente al viso. Disposti nuovi esami sui resti.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Benoît Prieur su Wikipedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Colpita una o più volte al volto, forse con un bastone o una pietra, comunque con un oggetto appuntito e molto pesante. Una violenza tale da farle saltare due denti, un incisivo dall'arcata superiore e uno da quella inferiore. Speranza Ponti potrebbe essere stata uccisa così, all'interno dell'abitazione ad Alghero in cui viveva con il compagno Massimiliano Farci.

O forse, più probabilmente, accanto ai cespugli di Monte Carru, dove è stato ritrovato il suo corpo senza vita e in avanzato stato di decomposizione il 30 gennaio scorso. È una delle ipotesi su cui sta lavorando la Procura di Sassari. Il particolare dell'assenza dei due denti era tenuto nascosto dagli inquirenti ed emerso solo ora, ma che non era sfuggito fin da subito al medico legale durante l'esame dei resti della vittima. Proprio su questi ultimi giovedì prossimo sarà effettuato un nuovo esame allo scopo di ricostruire con esattezza data e origine della morte.

Farci intanto è in carcere con l'accusa di omicidio volontario. Secondo il suo racconto, la donna si sarebbe suicidata, impiccandosi a una porta, e lui l'aveva trasportata a Monte Carru dopo averne scoperto il corpo senza vita nella sua abitazione. Una versione che non è mai stata ritenuta credibile dai magistrati.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.