Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Lecce. Aveva violentato la figlia per 15 anni mettendola incinta: dimezzata in Appello la pena per il condannato.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Paride81 su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

Violentò la figlia nell'arco di una quindicina di anni (dal 1995 al 2010) e, da quelle violenze, dopo un primo aborto, nacque una bambina. 17 anni di reclusione: è stata quasi dimezzata in appello la condanna inflitta in primo grado a un 54enne del Basso Salento accusato di aver violentato la figlia e di averla resa madre.

La Corte ha ritenuto che su alcuni degli episodi contestati (quelli fino al 2008) fosse intervenuta la prescrizione, in linea a quanto in più sedi aveva sollevato la difesa. Come riporta LeccePrima, a valutazioni diverse erano invece giunti i giudici di primo grado con la sentenza emessa lo scorso dicembre. Il nuovo dispositivo però ha lasciato inalterato solo il risarcimento del danno disposto nei riguardi della vittima.

A rendere inequivocabili le accuse, mosse dall'inchiesta sfociata nel dicembre di due anni fa nell'arresto dell'uomo, fu il test del DNA, rispetto al quale sono stati condotti ulteriori accertamenti anche nel processo d'appello e che hanno confermato la paternità.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.