Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Lecce. Picchiata, segregata e costretta a rapporti sessuali dal compagno per tre anni: un 46enne agli arresti domiciliari.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Paride81 su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

Avrebbe maltrattato la convivente per tre lunghi anni, costringendola anche a subire rapporti sessuali. E poi, la vittima sarebbe stata segregata in casa e costretta a non avere contatti con familiari e amici. Un 46enne leccese è finito in manette ed è stato condotto in carcere il 21 giugno scorso.

Ieri mattina l'uomo, ascoltato dal gip, ha offerto la propria versione dei fatti, respingendo le accuse e ammettendo soltanto di avere avuto qualche sporadico alterco con la convivente. Al termine dell'interrogatorio di garanzia, il giudice ha concesso al 46enne gli arresti domiciliari. Dovrà risponde delle ipotesi di reato di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale e sequestro di persona aggravata.

Le indagini condotte dai carabinieri di Lecce, hanno preso origine dalla denuncia della vittima, presentata lo scorso maggio, che si era rivolta al Centro Antiviolenza "Renata Fonte". Sono seguite varie integrazioni a cui sono stati allegati i referti delle violenze subite per mano del convivente, tra giugno 2017 sino al maggio 2020. Inoltre, la donna è stata ascoltata, in modalità protetta, alla presenza di una psicologa.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.