Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Rivolta D'Adda. Ricattano una 15enne per le sue foto intime online: arrestate madre e figlia per estorsione in corcorso.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Arbalete su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Nel Cremasco, a Rivolta D'Adda, una donna e la propria figlia 17enne sono state arrestate dai carabinieri con l'accusa di estorsione a sfondo sessuale dopo che le due avevano raggirato una 15enne, amica della 17enne, le cui foto intime erano state pubblicate in alcune chat e che è stata convinta dalle due donne arrestate a consegnare loro del denaro per evitare ritorsioni.

La vittima 15enne si era confidata proprio con loro a proposito di alcune sue immagini private finite online. Nei giorni successivi, per procurarsi un guadagno illecito, madre e figlia hanno preparato una messinscena, dicendo alla 15enne di essere state contattate da alcuni malavitosi a conoscenza delle foto pubblicate in chat, i quali chiedevano la consegna di 1.500 euro minacciando, in caso contrario, ritorsioni fisiche e di riferire il fatto ai genitori della 15enne.

La vittima, terrorizzata, temendo per la propria incolumità, ha sottratto ai genitori prima 500 euro e poi gli altri mille, che ha consegnato a madre e figlia, che nel frattempo continuavano a minacciare ipotetiche ritorsioni da parte di fantomatici delinquenti. All'ennesima richiesta di denaro, la 15enne, ormai completamente in balia delle donne che la perseguitavano, sentendosi senza via d'uscita ha deciso infine di chiedere aiuto ai carabinieri, denunciando il fatto in lacrime.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.