Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Capo Verde. Omicidio Marilena Corrò. Gianfranco Coppola condannato a 24 anni. Il complice già a piede libero.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Ji-Elle su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Gianfranco Coppola, 48 anni, è stato condannato a 24 anni di reclusione per l'omicidio di Marilena Corrò, la 52enne trevigiana uccisa a Capo Verde il 26 novembre dell'anno scorso. Pierangelo Zigliani, 68 anni, accusato di aver aiutato a occultare il cadavere, ha ricevuto una condanna a 2 anni. Grazie ai benefici della legge, è già a piede libero e ha 30 giorni di tempo per rientrare in Italia.

La sentenza è stata pronunciata ieri a Boa Vista (Capo Verde) al processo per l'uccisione della donna italiana. L'esito ha provocato indignazione tra gli italiani presenti in aula e perplessità sui media locali. Stando alla ricostruzione dei fatti, sarebbe stato un alterco a risultare fatale alla Corrò: una spinta e la donna è caduta accidentalmente dentro un serbatoio. Ma a inchiodare Coppola sarebbero le prove rinvenute sul luogo dell'omicidio: segni di sangue su un martello, su una sedia e su un muro della pensione.

A Treviso, i familiari della vittima ufficialmente non vogliono commentare la sentenza. Tuttavia serpeggia molta scontentezza per un verdetto considerato troppo mite.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.