Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Catania. Omicidio Eligia Ardita. Confermata in Appello la condanna all'ergastolo per Christian Leonardi.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Luca Aless su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

La Corte d'Assise d'Appello di Catania ha confermato la condanna all'ergastolo, già inflitta in primo grado, a Christian Leonardi per l'omicidio volontario della moglie Eligia Ardita e per il procurato aborto della figlia che la donna portava in grembo.

I giudici non si sono trovati concordi quindi, con la tesi degli avvocati difensori, che alla precedente udienza avevano professato l'innocenza del proprio assistito sottolineando che la confessione, resa da Leonardi ai Carabinieri, gli sarebbe stata estorta. I legali puntavano al riconoscimento dell'omicidio preterintenzionale.

I fatti avvennero a Siracusa il 19 gennaio del 2015, quando la donna ebbe un malore e perse la vita durante i soccorsi. Inizialmente si era ipotizzato un caso di malasanità, ma secondo le ricostruzioni degli investigatori effettuate nel corso delle indagini, l'uomo massacrò di botte la moglie in casa, fino a causarle un arresto cardiorespiratorio. Lo stesso Leonardi confessò l'accaduto nei mesi successivi, messo sotto torchio dagli inquirenti. Poi ritrattò, affermando di essere stato indotto ad ammettere qualcosa che non aveva commesso.

La tesi dell'omicidio volontario a seguito della violenta aggressione fu accolta dai giudici di primo grado e oggi è stata confermata in Appello.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.