Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Nave (Brescia). Omicidio Manuela Bailo. Pasini ricorre in Appello: i legali puntano a uno sconto di pena.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

L'ex sindacalista della Uil, Fabrizio Pasini, ha fatto depositare in Corte d'Appello, attraverso i propri legali, il ricorso contro la sentenza di primo grado che lo scorso febbraio lo ha condannato a 16 anni di reclusione per l'omicidio volontario di Manuela Bailo.

La 35enne di Nave (Brescia), anche lei sindacalista, aveva una relazione con l'uomo. Secondo la ricostruzione dei giudici, Pasini nell'estate del 2018 avrebbe prima stordito e poi ucciso la donna, sgozzandola, disfandosi del corpo in una vasca di liquami in una cascina nel cremonese. L'uomo andò anche in vacanza, ma al ritorno per lui scattarono le manette.

La sentenza aveva riconosciuto la volontarietà del gesto, ma non la premeditazione. La difesa chiederà nel processo d'Appello che il reato venga riqualificato in omicidio preterintenzionale e quindi ottenere uno sconto di pena. Ma oltre al ricorso dell'ex sindacalista, come risulta al quotidiano Bresciaoggi, c'è anche quello della procura che si è occupata delle indagini. La pubblica accusa punta al riconoscimento della premeditazione per una pena più alta rispetto a quella comminata in primo grado che è stata considerata bassa.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.