Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Villata (Vercelli). Osvaldo Ferraris e Mariella Dematteo trovati morti in casa. Ipotesi omicidio-suicidio.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Comune di Villata, )

Due persone conosciute, tranquille e stimate nei rispettivi ambiti professionali. Per questo il dramma che si è consumato ieri mattina, 22 luglio, a Villata in provincia di Vercelli risulta ancora più sconvolgente e incomprensibile.

Le vittime sono Osvaldo Ferraris, 76 anni, e Mariella Dematteo, insegnante di educazione fisica in pensione, 73 anni. Lui era un designer apprezzato e un creatore di modelli per ditte argentiere e di posateria. Lei originaria di Vercelli, insegnante in pensione, da tempo legata a Ferraris, vedovo. Due persone tranquille e serene, una coppia affiatata, secondo chi li conosceva.

L'abitazione dove è avvenuta la tragedia è la villetta di Ferraris, al quale appartiene anche la pistola regolarmente denunciata che sarebbe l'arma del delitto. L'ipotesi è quella di omicidio-suicidio, ma la ricostruzione della dinamica è ancora in corso.

A ritrovare i due pensionati la figlia dell'uomo che, non ricevendo alcuna risposta al citofono e vedendo l'auto regolarmente parcheggiata, ha chiamato Carabinieri e Vigili del Fuoco per accedere all'abitazione. In camera da letto la tragica scoperta.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.