Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Rimini. Violenta la ex e la mette incinta, poi la minaccia di morte: denunciato un 49enne. La vittima messa sotto protezione.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Rimasta incinta dopo essere stata violentata dall'ex compagno, aveva deciso di perdonarlo e provare ancora a vivere insieme. Ma l'aggressività dell'uomo l'ha portata ad abbandonarlo nuovamente e chiedere aiuto. La donna si è rivolta agli agenti della Questura di Rimini che l'hanno messa sotto protezione, insieme al suo piccolo di poco più di due mesi, in un luogo segreto e sicuro.

L'uomo, già con una denuncia per violenza sessuale, ora dovrà rispondere anche di maltrattamenti in famiglia. A riportare la vicenda il quotidiano il Resto del Carlino. La donna e l'ex compagno (lui 49 anni, lei venti di meno) si erano conosciuti poco più di un anno fa ed erano andati a vivere insieme. Dopo mesi segnati dalla gelosia ossessiva dell'uomo, la giovane era tornata a casa sua.

Il 49enne però aveva cominciato a tormentarla, tra suppliche e minacce e, in un'occasione, presentandosi nell'abitazione della donna l'aveva violentata. Dopo lo stupro, rimasta incinta, la donna aveva accettato di tornare insieme al compagno. Lui, geloso e violento, è arrivato a minacciare di morte la donna e il bambino in caso di nuovo abbandono.

Giorni fa approfittando dell'assenza del compagno, la giovane, insieme al piccolo, ha chiesto aiuto in Questura dove è stato fatto scattare subito il protocollo ed è stata messa immediatamente sotto protezione.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.