Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Frosinone. Omicidio Gloria Pompili del 2017. Le motivazioni: costretta a prostituirsi. I servizi sociali agirono con superficialità.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Pietro Scerrato su Panoramio, licenza CC BY 3.0)

Nuovi dettagli pubblicati dal sito Notizie.it sulle motivazioni della sentenza di condanna per l'omicidio di Gloria Pompili, la 23enne originaria di Frosinone morta il 23 agosto 2017 a Prossedi (Latina).

La giovane, madre di due piccoli bambini, era costretta a prostituirsi. Per anni è stata sottoposta a continui maltrattamenti in famiglia. Riconosciuti colpevoli la zia Loide Del Prete, 39 anni, e il marito di quest'ultima, Saad Mohamed Elesh Salem, 23 anni. Secondo le ricostruzioni, furono proprio loro a compiere il pestaggio che si rivelò fatale per la vittima, aggredita violentemente in strada davanti ai suoi figli perché aveva osato ribellarsi.

Secondo i dettagli emersi, la 23enne veniva costretta a svolgere l'attività anche in casa, mentre i figli venivano appesi ad una cesta sul balcone per evitare che assistessero a quello che succedeva nell'appartamento. I giudici nella motivazioni della sentenza hanno anche sottolineato la superficialità con cui i servizi sociali avevano agito, dopo essere stati avvertiti numerose volte della situazione di degrado in cui versava la vittima.

Entrambi i colpevoli sono stati condannati a 24 anni di reclusione.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.