Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Teramo. Omicidio della pittrice Renata Rapposelli. Condannati il figlio Simone Santoleri e l'ex marito Giuseppe.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Interminatispazi su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Dopo una camera di consiglio di circa tre ore, la Corte di Assise di Teramo ha condannato a 27 anni di reclusione Simone Santoleri e a 24 anni il padre Giuseppe, rispettivamente il figlio e l'ex marito della pittrice teatina Renata Rapposelli.

Per i giudici sono entrambi colpevoli dell'omicidio volontario e dell'occultamento del cadavere della 64enne scomparsa il 9 ottobre 2017 da Giulianova (Teramo) e ritrovata morta il successivo 10 novembre Tolentino (Macerata) lungo l'argine del fiume Chienti.

Il pm aveva richiesto l'ergastolo per Simone, ma la Corte ha riconosciuto le attenuanti generiche. Secondo le ricostruzioni dell'accusa, il delitto sarebbe avvenuto per questioni economiche al termine di un'accesa discussione.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.