Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Caivano. Una storia di transfobia dietro la morte della giovane Maria Paola Gaglione: arrestato il fratello.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Maria Paola Gaglione, 18 anni, è morta nella notte tra il 10 e l'11 settembre 2020 ad Acerra in provincia di Napoli. La ragazza era originaria del Parco Verde di Caivano e aveva una relazione con un uomo trans coetaneo. Nella serata di giovedì scorso era uscita col compagno, ma mentre si stava dirigendo in motorino ad Acerra ha avuto un incidente nel quale ha perso la vita.

A causare quell'incidente sarebbe stato il fratello della vittima. La dinamica, al vaglio degli inquirenti, non è chiara, ma lo stesso ragazzo avrebbe ammesso di aver seguito con un altro motorino la coppia con l'intento di separarli. La relazione tra i due non era ben vista dalla famiglia della 18enne.

Secondo quanto appreso da una prima ricostruzione riportata dal sito Fanpage, Maria Paola sarebbe violentemente sbalzata dal mezzo in corsa morendo sul colpo. Il compagno invece ha riportato delle gravi ferite in seguito alla caduta, ma è sopravvissuto e non è in pericolo di vita, ricoverato all'ospedale.

Sul caso ha aperto un indagine la Procura di Nola che ha appreso la versione del fratello. Quest'ultimo avrebbe confermato di aver inseguito la coppia per ostacolare la relazione che la sorella aveva intrapreso col compagno, con il quale aveva scelto di andare a convivere nonostante l'opposizione dei familiari. Probabile l'involontarietà del gesto che però ha causato lo stesso la morte della sorella nel violento impatto.

Nei confronti del ragazzo è scattata la misura cautelare col trasferimento nel carcere di Poggioreale. Le accuse nei suoi confronti sono di violenza privata e morte come conseguenza di altro reato.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.