Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Crema. Caso Sabrina Beccalli. Si potrebbe aggravare la posizione di Alessandro Pasini. Le indagini continuano.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Una denuncia potrebbe aggravare la posizione di Alessandro Pasini, il 45enne di Crema in carcere con l'accusa di aver commesso l'omicidio e la distruzione del cadavere dell'amica Sabrina Beccalli. L'associazione "I nostri diritti onlus" sta valutando la possibilità di una denuncia per atti compiuti e ammessi da Pasini nell'appartamento in via Porto Franco, di proprietà della sua ex convivente.

In particolare, il riferimento è al taglio del tubo del gas della caldaia. L'ipotesi di reato si potrebbe configurare come tentato omicidio oppure strage. Questo perché se nessuno fosse intervenuto, sarebbe bastato accendere la luce per provocare una deflagrazione spaventosa. Per questo la procura di Cremona indaga Pasini anche per crollo di costruzioni.

Per quanto riguarda l'accusa di omicidio, il 45enne continua a negare di aver ucciso l'amica, sostenendo che sia morta di overdose. Lui l'avrebbe trovata esanime in bagno, il naso e la bocca insanguinati. In preda al panico e alla vergogna per il fatto che tutto ciò fosse avvenuto nella casa dell'ex compagna, aveva reciso il tubo metallico del gas: voleva che un'esplosione nascondesse quanto era successo.

Dal punto di vista dell'accusa, potrebbe essere questa una ricostruzione basata sulle tracce ematiche. Nella casa di via Borgo Franco c'era sangue sul letto. Ma questo non significa che Sabrina sia morta lì. Il cadavere potrebbe essere stato collocato sul letto per avvolgerlo nella coperta di cui parla Pasini, prima di essere successivamente bruciato nella macchina abbandonata nelle campagne di Vergonzana.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza cookie analitici e di profilazione. Puoi consultare ulteriori informazioni e negare il consenso al loro utilizzo accedendo all'informativa estesa presente alla pagina cookie policy. Cliccando su OK o continuando la navigazione, acconsenti all'utilizzo di tutti i cookie.