Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Pescara. Omicidio Monica Gondos. Confermata in appello la condanna a 13 anni di reclusione per Gelu Cherciu.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Visit Abruzzo, licenza CC BY-SA 2.0)

Si è conclusa anche in secondo grado la vicenda di Monica Gondos, la 52enne romena trovata senza vita la sera del 30 maggio 2018 nel quartiere Fontanelle di Pescara.

Ieri pomeriggio, 18 settembre, la Corte d'Assise d'Appello dell'Aquila ha confermato la condanna a 13 anni di reclusione per il suo convivente e connazionale Gelu Cherciu. L'uomo era accusato di maltrattamenti in famiglia continuati e aggravati dalla morte della donna.

La sera di quel 30 maggio fu lui stesso ad allertare i soccorsi, raccontando ai carabinieri di aver trovato la compagna senza vita sotto la rampa delle scale dell'abitazione. Inizialmente il decesso fu attribuito a una caduta accidentale o un malore improvviso. Pochi giorni dopo però l'autopsia rivelò che la vittima era morta cinque ore prima rispetto al momento in cui Cherciu lanciò l'allarme.

Inoltre le tante ecchimosi rilevate sulla salma non erano compatibili con le ferite provocate da una semplice caduta, ma dalle botte continue ricevute. Percosse che, il giorno della tragedia, gli avrebbero provocato la rottura di una costola, perforandogli un polmone. Dopo 6 mesi di indagini, l'uomo venne arrestato.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.