Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

La comunità di Avezzano incredula sul tentato omicidio e suicidio dei coniugi Emi Lombardo. La donna è ora ricoverata in ospedale.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Marica Massaro su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Vittorio Emi, medico di base e cardiologo di 70 anni, ieri ha colpito la moglie Paola Lombardo con un coltello e poi si è tolto la vita gettandosi dal quarto piano del palazzo in cui risiedevano. La donna è stata operata ed ora è ricoverata nel reparto di chirurgia dell'ospedale di Avezzano.

Potrebbe essere stata la gelosia o altri motivi familiari a far degenerare la lite che ha scatenato la violenza dell'uomo, conosciuto e stimato medico di famiglia. Questa è una delle ipotesi al vaglio dei carabinieri di Avezzano che stanno indagando sull'accaduto.

La coppia aveva due figli che non abitano nella casa di famiglia. Secondo una prima ipotesi, la donna sarebbe rientrata a casa dopo aver fatto la spesa, visto che sulla scena è stato trovato uno scontrino e a quel punto sarebbe scoppiata la lite finita con l'accoltellamento.

La donna, pur perdendo molto sangue, è riuscita a chiedere aiuto a una vicina che ha chiamato subito i soccorsi. Il medico, da tutti ritenuto una persona molto mite, sarebbe andato in pensione nel prossimo mese di novembre.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.