Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Lecce. Omicidio Eleonora Manta e Daniele De Santis. Fermato il presunto responsabile: è uno studente 21enne. Ancora giallo sul movente.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Paride81 su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

Un uomo di 21 anni è stato fermato come presunto responsabile del duplice omicidio dell'arbitro leccese Daniele De Santis, 33 anni, e della sua fidanzata Eleonora Manta, 30 anni, avvenuto lo scorso 21 settembre nella loro abitazione a Lecce.

Si chiama Antonio De Marco ed è uno studente di Scienze infermieristiche di Casarano. Il giovane era stato coinquilino della coppia avendo vissuto nella casa di via Montello, dove è avvenuto il delitto, fino all'agosto scorso.

Il provvedimento è scattato a una settimana dall'omicidio, grazie al lavoro del comando comando provinciale dei Carabinieri di Lecce diretti dal procuratore Leonardo Leone de Castris. Ma le indagini saranno ancora lunghe perché il movente è solo parzialmente ricostruito e al momento ancora nulla è trapelato.

Il giovane comunque non ha confessato. Il fermo è avvenuto su elementi di prova che si fondano su dati tecnici, tra cui la visione delle telecamere, le intercettazioni e un foglietto, perso dal presunto omicida, che è stato trovato nell'appartamento e sul quale è stata effettuata una parziale e preliminare comparazione grafica della calligrafia.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.