Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Ferrara. Pusher cede della droga a una 16enne, poi la stupra. Arrestato un 25enne nigeriano con precedenti.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Lungoleno su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Un nigeriano di 25 anni, Elvis Omonghomion, è stato arrestato con l'accusa di aver violentato una ragazza 16enne lo scorso 29 luglio a Ferrara, in zona di via del Lavoro. L'uomo è un richiedente asilo in possesso di regolare permesso di soggiorno, conosciuto nell'ambiente dello spaccio di sostanze stupefacenti con il soprannome di Bobby.

La giovane si era accordata con il pusher per acquistare una dose di cocaina, ma lui dopo averle ceduto la droga, invece di farsi pagare l'ha stuprata. Secondo il racconto della vittima, il 25enne l'ha trattenuta con la forza e l'ha minacciata con un coltello, poi è riuscito a trascinarla nella boscaglia lungo la via e ha abusato di lei.

Per non farle chiedere aiuto, le ha anche preso il cellulare, dopodiché è scappato. La 16enne rimasta sola in strada, durante la notte, ha notato una pattuglia dei Carabinieri di passaggio e ha gesticolato per attirare la loro attenzione. I militari hanno prestato il primo soccorso e lei, spaventata e in lacrime, ha raccontato tutto quello che era accaduto, poi è stata accompagnata all'ospedale Sant'Anna.

Le successive indagini hanno permesso di identificare con certezza l'autore della violenza. Non solo testimonianze e immagini fotografiche a supporto dell'accusa, ma anche tracce riconducibili al profilo genetico dell'indiziato repertate sulla vittima dopo lo stupro. Sulla base di tali elementi è arrivata l'ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip di Ferrara nei confronti del 25enne che già nel 2019 era stato arrestato, sempre per reati legati alla droga.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.