Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Furci Siculo. Omicidio Lorena Quaranta. Si aggrava la posizione di Antonio De Pace: contestata la premeditazione del delitto.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Giovanni Ct Wiki su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Si aggrava la posizione di Antonio De Pace, l'infermiere calabrese che lo scorso 31 marzo ha ucciso la fidanzata Lorena Quaranta nell'abitazione che la coppia condivideva a Furci Siculo. La novità che emerge nelle ultime ore, in concomitanza con la chiusura delle indagini da parte della Procura di Messina, è che al 29enne viene contestata anche l'aggravante della premeditazione.

Dall'inchiesta sono stati scoperti messaggi, inviati tramite chat ai familiari, in cui De Pace manifestava l'intenzione di trasferire ai nipoti i risparmi depositati nel conto corrente, segno, secondo l'accusa, che aveva pianificato il delitto ed era certo delle conseguenze che ne sarebbero derivate.

Lui e la fidanzata, di due anni più giovane, frequentavano la facoltà di Medicina all'Università di Messina. Dopo aver colpito la vittima alla fronte con un oggetto, De Pace l'ha soffocata. Era stato lui stesso a chiamare i Carabinieri in stato confusionale. Prima della telefonata avrebbe anche tentato il suicidio, tagliandosi le vene, ma si era solo procurato delle ferite superficiali.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.