Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Garlasco. Omicidio Chiara Poggi del 2007. No alla revisione del processo per Alberto Stasi. La decisione della Corte d'Appello di Brescia.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Alessandro Vecchi su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 3.0)

La Corte d'Appello di Brescia ha respinto la richiesta di revisione del processo presentata dai legali di Alberto Stasi, condannato in via definitiva come responsabile dell'omicidio di Chiara Poggi avvenuto nel 2007 a Garlasco (Pavia).

"Gli elementi fattuali che si vorrebbero provare con le prove nuove non sono stati comunque ritenuti idonei a dimostrare, ove eventualmente accertati, che il condannato, attraverso il riesame di tutte le prove, debba essere prosciolto, permanendo la valenza indiziaria di altri numerosi e gravi elementi non toccati dalla prove nuove", scrive la Corte d'Appello nelle motivazioni.

Su quegli elementi "mai valutati prima" l'avvocato Laura Panciroli aveva presentato lo scorso giugno la richiesta di revisione convinta che potessero "escludere una volta per tutte le responsabilità" del proprio assistito. Ma con la decisione di oggi non ci sarà un nuovo processo per Stasi che sta scontando una condanna a 16 anni di reclusione, detenuto nel carcere di Bollate.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.