Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Troina (Enna). Disabile violentata all'Irccs Oasi e rimasta incinta. Fermato il responsabile: ha confessato. Decisivo l'esame del DNA.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Azotoliquido su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

È stato l'esame del DNA a inchiodare L. A., 39 anni, operatore sanitario dell'Oasi di Troina (Enna) che ha violentato una disabile affetta da gravissime patologie connesse a una malattia genetica e che ora aspetta un bambino. L'uomo ha confessato a conclusione di un lungo interrogatorio.

L'inchiesta della squadra mobile di Enna, che ha da subito attivato il "codice rosso", è scattata dopo la denuncia del legale della famiglia della giovane. Dopo decine di audizioni e prelievi di campioni salivari dal personale che in quel periodo accedeva alla struttura (dichiarata zona rossa lo scorso marzo dopo il contagio di 162 persone tra operatori e ricoverati), ieri mattina è stato convocato l'operatore socio sanitario, dipendente della struttura di Troina da due anni.

L'uomo, che è sposato, ha due figli e non ha precedenti, è subito apparso particolarmente nervoso e confuso. È emerso che sarebbe stato autorizzato ad accedere all'Oasi, in quel periodo, per carenza di personale come operatore socio sanitario proprio nel reparto dove erano stati trasferiti tutti i ricoverati risultati positivi al Covid.

Durante una delle tante notti prestate in struttura, approfittando dell'assenza temporanea dell'infermiere, l'operatore avrebbe violentato la giovane che conosceva da anni. La confessione al termine di un lungo interrogatorio, mentre continuano le indagini per chiarire ogni ulteriore aspetto della vicenda e valutare eventuali responsabilità.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.