Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Crema. Omicidio Sabrina Beccalli. La testimonianza di una vicina: "Quella notte sentii delle urla disperate". Erano una richiesta di aiuto.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

Continuano le indagini sulla morte di Sabrina Beccalli. I consulenti della procura stanno esaminando le risultanze provenienti dalla casa di via Porto Franco, dove alle prime ore di Ferragosto è morta la 39enne il cui cadavere, la sera successiva, è stato bruciato da Alessandro Pasini, 45enne di Crema, nella Panda della donna abbandonata nelle campagne di Vergonzana.

L'uomo si trova in carcere con l'accusa di omicidio e distruzione di cadavere. C'è una persona che quella notte, quando Sabrina e Alessandro erano insieme, ha sentito delle urla provenire da un'abitazione e ha avvertito il 112. Una testimone che desidera restare anonima, le cui parole sono state riportate dal quotidiano Il Giorno.

"Non dormo molto di notte e poi lo scorso agosto ha fatto molto caldo. Per questo motivo le mie finestre, che sono vicine a quelle dove si sono svolti i fatti, restano aperte. A Ferragosto mi sono svegliata intorno alle 4 del mattino e sono rimasta alzata a prendere un po' di fresco sul balcone. Poco dopo ho sentito delle urla provenire da una casa vicina".

"Non ho capito da dove arrivassero, ma ho udito distintamente: 'Aiuto, aiuto. No!'. Mi sono spaventata, le urla erano disperate e ho chiamato il 112. Poco dopo è arrivata un'auto dei carabinieri alla quale ho riferito delle urla, ma ho anche detto di non essere in grado di indicarne la provenienza. Non so poi che cosa abbiano fatto i militari".

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.