Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Macerata. Omicidio Pamela Mastropietro. Continua il processo in Corte d'Appello a carico di Innocent Oseghale.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Abraham Sobkowski su Wikimedia Commons, licenza CC BY 3.0)

Nuova udienza stamane, 14 ottobre 2020, alla Corte d'Appello di Ancora nel processo a carico di Innocent Oseghale, il senegalese condannato in primo grado per l'omicidio della giovane Pamela Mastropietro, avvenuto nel gennaio del 2018 a Macerata.

In aula è stata esposta la relazione del medico legale sui resti della vittima: "Pamela non è morta di overdose, lo dicono le prove. E se non è morta per overdose è morta per lesioni. Da lì l'attività di depistaggio messa a punto da Innocent Oseghale attraverso lo scuoiamento, la decapitazione, il deprezzamento e la disarticolazione".

"Il depistaggio è avvenuto proprio dove sono stati inferti i colpi o dove sarebbe stato possibile provare il rapporto sessuale - ha spiegato. È stata un'operazione fatta non nella fretta per far sparire il corpo ma per eliminare le tracce del reato, così i consulenti non hanno potuto fare accertamenti più precisi". Proiettata sullo schermo dell'aula uno stralcio della sentenza della Corte d'Assise di Macerata che parla delle "inquietanti capacità mimetiche e simulatrici dell'imputato".

"Ci aspettiamo la richiesta di conferma della sentenza di I grado del Procuratore - ha spiegato all'Adnkronos l'avvocato Simone Matraxia, difensore di Oseghale - e chiederemo la riforma parziale della sentenza che punta a escludere l'aggravante della violenza sessuale e alla riqualificazione dell'omicidio in morte come conseguenza di altro reato".

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.