Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Cengio. Ripetute violenze sulla convivente: schiaffi, pugni e sigarette spente sulla pelle: Arrestato un 22enne del posto.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Davide Papalini su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

I Carabinieri hanno arrestato, su ordine del gip di Savona, un ragazzo di 22 anni residente a Cengio, ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia e rapina nei confronti della convivente.

L'accusato ha ripetutamente assunto nei confronti della donna comportamenti violenti, lesivi dell'integrità fisica e morale oltre a manifestare una morbosa gelosia che le impediva di svolgere la propria attività lavorativa ed effettuare le proprie libere scelte di vita. Violenze commesse con ferocia inaudita: ripetute aggressioni fisiche con schiaffi, calci e pugni ed addirittura ustioni provocate con le sigarette accese.

Il provvedimento è stato adottato a conclusione delle indagini sviluppate dalla questura di Savona e dalla caserma dei militari di Cengio, in seguito alla denuncia della donna. La lunga serie di accertamenti ha permesso di riscontare il racconto della vittima, i cui episodi di violenza subita e di morbosa gelosia dell'ex compagno sono stati confermati da diversi testimoni.

Con il provvedimento disposto dal giudice, l'individuo è stato condotto presso il carcere di Genova Marassi a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.