Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Milano. Omicidio Carlotta Benusiglio del 2016. Il ringraziamento della sorella al pm Gallo: "Non ha mai smesso di cercare la verità".

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia

La procura di Milano, a oltre 4 anni dai fatti, ha chiuso le indagini nei confronti di Marco Venturi, ora accusato di omicidio volontario per la morte della sua fidanzata, la 37enne Carlotta Benusiglio, la stilista che fu trovata morta impiccata con una sciarpa a un albero in piazza Napoli il 31 maggio del 2016.

La sorella di Carlotta, Giorgia, sul suo profilo Facebook ha voluto scrivere un lungo post di ringraziamenti al pm titolare del fascicolo d'indagine. "Finalmente... non smetterò mai di ringraziare il pm Gianfranco Gallo che con la sua tenacia, caparbietà e capacità investigativa non ha smesso di cercare la verità. Per lui Carlotta non era solo un numero, ma un essere umano che meritava luce sulla sua fine, per lei e per tutte le persone che le volevano bene, che le vogliono bene".

"Io e la mia famiglia gli siamo grati e lo saremo per sempre. Non ho mai avuto modo di conoscerlo, non so nemmeno come sia fatto fisicamente ma poco importa, perché so che quando sarà il momento non avrò problemi a riconoscerlo, mi basterà guardare i suoi occhi, gli occhi puri di una persona che onora il suo lavoro, che non dimentica le vittime, e che ognuna di loro, indistintamente, merita verità anche se dovessero passare anni".

"Vorrei poterlo abbracciare forte, ma ovviamente non potrò farlo e allora mi limiterò a stringergli forte la mano guardandolo dritto negli occhi. In quella stretta di mano - ha concluso Giorgia - cercherò di trasmettergli tutta la mia immensa stima".

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.