Menu Ricerca voce
Menu

Il femminicidio rappresenta qualsiasi forma di violenza esercitata sulle donne (spesso in nome di una sovrastruttura ideologica di matrice patriarcale) allo scopo di perpetuarne la subordinazione e di annientarne la soggettività sul piano psicologico, simbolico, economico e sociale, fino alla schiavitù o alla morte.

Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Mesola. Donna accoltellata dal marito a Massenzatica. Ricoverata in gravi condizioni all'ospedale. L'uomo arrestato e condotto in carcere.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger Condividi su Telegram Condividi su Skype Scegli dove condividere
a–
a+
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Whatsapp Condividi su Facebook Messenger
Miniatura della notizia (Miniatura di Ced1circ su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

È stato arrestato dai Carabinieri ed è indagato per tentato omicidio l'uomo che la mattina di sabato 17 ottobre ha accoltellato la moglie a Massenzatica, frazione di Mesola in provincia di Ferrara.

Come riporta Estense.com, si tratta di R.A., un operaio marocchino di 59 anni, da tempo residente del posto insieme alla moglie, 49enne connazionale. La vittima si trova attualmente ricoverata all'ospedale Sant'Anna di Cona (città di Ferrara) in gravi condizioni e in prognosi riservata. L'uomo, che era già agli arresti domiciliari per un altro reato, è stato condotto nel carcere dell'Arginone.

Secondo la ricostruzione eseguita dagli inquirenti, il marito violento ha accoltellato la moglie a seguito di una lite. Sul posto è intervenuta inizialmente una pattuglia dei Carabinieri di Lagosanto che ha trovato l'uomo all'interno della propria abitazione, in stato di agitazione, con gli abiti intrisi di sangue, mentre la moglie era seduta a terra, appena fuori l'uscio di casa, agonizzante con diverse ferite alla testa e alle mani, completamente ricoperta di sangue.

Condividi su Telegram Condividi su Skype Condividi su Pinterest Scegli dove condividere
FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.