Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Tribunale di Pescara. Caso Anna Carlini. Nelu Ciuraru condannato a 11 anni per violenza sessuale. 2 anni di reclusione all'altro imputato.

Miniatura della notizia (Miniatura di Ra Boe (Raboe001) su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Il tribunale collegiale di Pescara ha condannato a 11 anni e 6 mesi di reclusione Nelu Ciuraru, per violenza sessuale e omissione di soccorso aggravata, e a 2 anni l'altro imputato, Robert Cioragariu, accusato soltanto del secondo reato.

La sentenza riguarda il processo per la morte di Anna Carlini, la donna pescarese di 33 anni, affetta da problemi psichici, deceduta nell'agosto del 2017 sotto il tunnel della stazione ferroviaria di Pescara, dopo essere stata violentata. La pm Rosangela Di Stefano aveva chiesto 14 anni per Ciuraru e 3 anni per Cioragariu.

Anna era in affido alla sorella Isabella perché affetta da patologie psichiatriche. La sera del 30 agosto 2017 si allontanò da casa, in un momento di distrazione di Isabella. Non era la prima "fuga", ma era sempre stata rintracciata. Quella volta però non fu così. La vittima venne ritrovata senza vita e l'autopsia rivelò, tra gli altri agghiaccianti dettagli, che Anna era stata fatta bere prima di essere violentemente abusata.

Amarezza e sconcerto successivamente nella famiglia della 33enne quando dai capi d'imputazione nel processo venne escluso l'omicidio.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.