Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Palagonia. Omicidio Marianna Manduca del 2007. Il PdC Conte ha chiarito: "I tre figli riceveranno l'indennizzo dovuto alla loro mamma".

Miniatura della notizia (Miniatura di Davide Mauro (Codas) su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Ieri, nella Giornata per l'eliminazione della violenza sulle donne, è arrivata dal premier Giuseppe Conte la notizia che tanti avevano chiesto e si aspettavano: i tre figli di Marianna Manduca, la 32enne assassinata nel 2007 dal marito Saverio Nolfo dopo aver denunciato il coniuge 12 volte, avranno la somma dovuta alla loro mamma.

Lo scorso 19 marzo la Corte d'appello di Messina aveva revocato l'indennizzo per danno patrimoniale nei confronti dei figli della vittima, ma il successivo 8 aprile la Cassazione ha bocciato la decisione dei giudici, stigmatizzando un "percorso argomentativo in contrasto con le regole che governano l'accertamento del concatenarsi degli eventi". La Corte d'appello di Catanzaro si sarebbe dovuta pronunciare sul caso il prossimo 9 dicembre.

Il presidente del Consiglio usa parole chiare: "È una storia ordinaria di ingiustizia. I tre figli hanno passato un calvario giudiziario per vedere riconosciuti i loro diritti, perché la madre più volte aveva denunciato le violenze e si sono ritrovati nella incresciosa posizione di restituire una somma a lei riconosciuta a titolo di risarcimento del danno. Dobbiamo evitare che si completi il quarto grado di giudizio, la vertenza giudiziaria avrà termine perché lo Stato può finalmente sottoscrivere un accordo transattivo".

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.