Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Cremona. Omicidio della piccola Gloria. Richiesta la condanna all'ergastolo per omicidio premeditato nei confronti di Jacob Danho.

Miniatura della notizia (Miniatura di trolvag su Panoramio e Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Ergastolo per omicidio volontario con le aggravanti della premeditazione e dei futili motivi. Questa la richiesta del pubblica accusa nei confronti dell'ivoriano di 38 anni Kouao Jacob Danho, a processo davanti alla Corte d'Assise di Cremona per il delitto della figlia Gloria, di soli due anni.

Nella sua requisitoria, il pm lo ha definito "uno dei delitti più efferati che si possono compiere, quello sulla propria figlia", mentre sulla premeditazione ha sostenuto che "Danho aveva già chiaro il suo progetto criminoso". "Dietro questa vicenda, c'è la crisi di una coppia. La compagna voleva integrarsi ed emanciparsi, mentre lui non lo accettava".

La mattina dell'omicidio, avvenuto il 22 giugno del 2019, Danho era andato a prendere la figlia nella casa protetta dove lei viveva con la madre. L'avrebbe dovuta tenere fino alle 17. Ad un certo punto aveva preso il coltello che aveva in mano e aveva accoltellato due volte la figlia, una al polmone e una all'addome, dopodiché si era ferito egli stesso.

La sentenza sarà emessa il prossimo mese di gennaio.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.