Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Chiavari. Il figlio chiama la Polizia: "Sta picchiando mia mamma!". Un 27enne denunciato per maltrattamenti, ma la vittima ritratta.

Miniatura della notizia (Miniatura di Mattis su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

"Aiutateci, sta picchiando mia mamma". La chiamata di emergenza è arrivata poco dopo le 8 di mattina: gli operatori del 112 si sono trovati dall'altro capo del telefono un bambino di 11 anni, terrorizzato dalla lite tra la madre e il suo compagno. Un diverbio che a un certo punto è degenerato nella violenza: un pugno sul volto della donna.

Quando le volanti della polizia sono arrivate nell'appartamento, a Chiavari, nel levante di Genova, la situazione era ancora molto tesa. La donna è stata accompagnata al pronto soccorso, dove il referto ha indicato 20 giorni di prognosi; l'uomo, 27 anni, è stato denunciato per maltrattamenti.

Gli agenti del commissariato hanno informato il pm di turno ed è stato attivato il "Codice Rosso", ovvero la procedura per tutelare le vittime di violenza domestica. Non è stato necessario un provvedimento di allontanamento dell'uomo dalla casa familiare: lui stesso ha consegnato agli agenti le chiavi dell'abitazione.

Al momento dell'intervento degli agenti la donna, con il volto tumefatto dai pugni, ha infatti raccontato di essere stata già picchiata in passato, ma di non essere mai andata all'ospedale per farsi medicare e di non aver mai sporto denuncia.

In seguito, hanno riportato gli investigatori, la vittima ha ritrattato la propria versione dei fatti, sminuendo quanto capitato nell'abitazione e non ha voluto sporgere querela. In casi come questo le indagini tengono conto delle dichiarazioni della donna, cercando però di individuare anche episodi nel passato della coppia che possono fare da spia ai maltrattamenti.

Per esempio le testimonianze di parenti e vicini di casa; le chiamate al 112; gli accessi al pronto soccorso da parte della donna, che potrebbe aver dichiarato di essersi fatta male da sola, magari cadendo dalle scale, per nascondere invece la verità della violenza in famiglia.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.