Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Valsabbia. Svolta nell'inchiesta sull'omicidio di Jessica Mantovani. 8 persone indagate per concorso in occultamento di cadavere.

Miniatura della notizia (Miniatura di Les Meloures su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 3.0)

Nuova svolta nel caso dell'omicidio di Jessica Mantovani, la 37enne di Villanuova sul Clisi che nel giugno del 2019 venne trovata morta fra le grate della centrale idroelettrica di Prevalle (Brescia).

Secondo quanto riportato dal quotidiano Il Giornale di Brescia, otto persone sono state iscritte nel registro degli indagati dalla Procura in relazione all'inchiesta sulla morte della donna. Queste si aggiungono alle due persone che finora erano accusate di omicidio e occultamento di cadavere: il 50enne Giancarlo Bresciani e il 23enne Marco Zocca.

Entrambi, che sono rimasti a piede libero, hanno sempre respinto ogni accusa. Durante le indagini i Ris avevano trovato tracce di sangue di Jessica su un coprimaterasso in casa di Bresciani, e anche un secondo profilo genetico che apparterrebbe al secondo indagato. Adesso ai loro nomi si aggiungono quelli di altre otto persone che potrebbero aver aiutato i primi due a disfarsi del corpo della vittima. L'accusa nei loro confronti sarebbe di concorso in occultamento di cadavere.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.