Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Cisterna di Latina. Omicidio Elisa Ciotti, uccisa dal marito nel giugno del 2019. Disposta la perizia psichiatrica per Fabio Trabacchin.

Miniatura della notizia

Venerdì scorso, in Tribunale a Latina, è stato dato incarico a uno specialista di redigere una perizia psichiatrica su Fabio Trabacchin, il 37enne che ha confessato l'omicidio della moglie Elisa Ciotti, uccisa nella sua abitazione di Cisterna di Latina il 10 giugno 2019.

La vittima fu massacrata a martellate durante le prime ore del mattino, mentre la figlia era in casa e dormiva nella propria camera. L'uomo si allontanò da casa, lasciando la donna in un lago di sangue. Spettò alla bambina ritrovare il cadavere della madre e chiamare i soccorsi.

Successivamente un parente telefonò a Trabacchin e lo convinse a tornare a Cisterna. Sul posto fu fermato dalle forze dell'ordine alle quali prima riferì di non c'entrare nulla con la morte della moglie, poi confessò l'omicidio. Precisò di essersi liberato del martello gettandolo lungo la Pontina, ma l'arma non è mai stata ritrovata, nonostante le ampie ricerche condotte dagli investigatori.

Per gli inquirenti il movente dell'efferato delitto risiederebbe nel rancore e nella paura del 37enne di perdere l'affidamento della bambina visto che i rapporti con la moglie oramai erano logori da tempo. I due, di fatto, vivevano da separati in casa.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.