Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Montecassiano. Sabato 2 gennaio nella chiesa di Valle Cascia l'ultimo saluto a Rosina Cassetti. Il punto delle indagini della Procura.

Miniatura della notizia (Miniatura di SirLeonidas su Wikimedia Commons, licenza CC BY-SA 4.0)

Sarà celebrato sabato 2 gennaio, alle ore 15.00 nella chiesa di Valle Cascia a Montecassiano (Macerata), il funerale di Rosina Carsetti, la casalinga di 78 anni uccisa nella sua abitazione la sera della vigilia di Natale.

La vittima viveva con il marito Enrico Orazi, 81 anni, e da un anno anche con la figlia Arianna Orazi, di 48 anni, e il nipote Enea Simonetti di 20 anni. Tutti e tre sono stati iscritti sul registro degli indagati dalla Procura di Macerata per omicidio aggravato in concorso e maltrattamenti in famiglia aggravati in concorso. Il nipote è anche indagato per simulazione di reato e favoreggiamento.

Secondo la Procura, i tre familiari avrebbero sottoposto la signora Rosy a una coabitazione "umiliante e penosa", costringendola a subire insulti, minacce e percosse. Una pesante accusa che però i tre respingono e il loro legale, in una nota, ha precisato: "Andiamoci con più calma con le ricostruzioni, il quadro della vita di questa donna è quasi agli antipodi di come è stato fino ad oggi presentato. Dicono che fosse segregata in casa ed altre cose, ma non è così. La situazione era molto diversa".

Il 7 gennaio Enea Simonetti sarà interrogato dagli inquirenti, ma è probabile che il giovane decida di seguire la linea suggerita dall'avvocato, ovvero di avvalersi della facoltà di non rispondere.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.