Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Roma Esquilino. Torna a minacciare la moglie: "Prendo la pistola e vengo ad ammazzarti". Un 37enne di nuovo arrestato dalla Polizia.

Miniatura della notizia (Miniatura di Mikhail Malykh su Panoramio e Wikimedia Commons, licenza CC BY 3.0)

Era stato arrestato lo scorso weekend dalla Polizia locale di Roma per aver picchiato e minacciato la moglie ed averle portato via i tre figli piccoli, poi trovati a casa dell'amante. Rimesso in libertà è tornato alla carica alzando l'asticella delle minacce: "Come vedi sono uscito, non mi hanno fatto niente, ora vado a casa, prendo la pistola e vengo ad ammazzarti".

Ad essere ammanettato prima dai Vigili e poi dalla Polizia, due volte nell'arco di poco più di 24 ore, è stato un cittadino cinese di 37 anni. Il primo arresto nel corso del weekend dopo che l'uomo, in fase di separazione dalla moglie, una connazionale di 35 anni, l'ha picchiata costringendola alle cure dell'ospedale dove è stata refertata con una prognosi di 20 giorni per un trauma cranio facciale e violenza sessuale.

Impaurita ed esasperata, la donna si è quindi recata presso il Comando della Polizia locale per denunciare i maltrattamenti subiti. Dopo l'arresto, il 37enne è stato però rimesso in libertà ed è tornato a minacciare la moglie. La 35enne ha quindi contattato il suo avvocato, il quale si è quindi presentato negli uffici del Commissariato di Polizia di Porta Maggiore. Il malintenzionato è stato nuovamente arrestato per maltrattamenti in famiglia e detenzione di armi da sparo.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.