Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Roma. Maltrattata e violentata dal marito. Costretta a seguire i costumi del clan. Raffaele Casamonica condannato a 7 anni.

Miniatura della notizia (Miniatura di RaSeLaSeD (Il Pinguino) su Flickr, licenza CC BY-SA 2.0)

Maltrattamenti fisici e psicologici, umiliazioni, percosse, minacce di morte, violenze sessuali ripetute. Il marito la costringeva anche a osservare scrupolosamente gli usi e i costumi dei Casamonica, come per esempio l'obbligo di indossare gonne, portare i capelli lunghi e lisci o raccolti con uno chignon e il divieto di truccarsi.

Dopo la carcerazione di lui, la donna ha deciso di non sottostare più alle regole imposte e così si è tagliata i capelli e si è messa i pantaloni al posto della gonna. Raffaele Casamonica è stato condannato nei giorni scorsi a 7 anni di reclusione dai giudici della prima sezione penale del tribunale di Roma. I reati contestati al 48enne sono quelli di violenza sessuale e maltrattamenti in famiglia.

La donna era riuscita a trovare il coraggio di denunciare e, insieme alle due figlie, si è rifugiata in una struttura protetta, dove ha raccontato gli interminabili anni di violenza subita. Raffaele Casamonica, comunque, è già in carcere per altri reati e la sua pena dovrebbe terminare non prima del 2031.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.