Menu Ricerca voce
Menu
Visualizza la notizia precedente
Visualizza la notizia successiva

Corte d'Appello di Ancona. Omicidio Azka Riaz. Richiesta la conferma della condanna all'ergastolo per il padre Muhammad.

Miniatura della notizia (Miniatura di Superchilum su it.wikipedia.org, licenza CC BY-SA 4.0)

Si è discusso ieri, 29 gennaio, dinanzi ai giudici della Corte d'Appello di Ancona, il processo di secondo grado a carico di Muhammad Riaz, il muratore pakistano 46enne accusato di aver ucciso la figlia 19enne Azka la sera del 24 febbraio 2018 a Trodica di Morrovalle (Macerata).

La vittima sarebbe stata colpita e lasciata in strada al buio e sotto una pioggia battente poco prima che un'auto la investisse. L'uomo è accusato anche di violenza sessuale nei confronti della figlia 19enne e maltrattamenti in famiglia nei confronti di lei, della sorella e dei due fratelli, tutti minorenni all'epoca dei fatti e che avevano vissuto con il padre, prima a Montelupone e poi, a seguito del terremoto del 2016, a Recanati.

Il pm ha ripercorso i fatti contestati all'imputato e ha concluso chiedendo la conferma della condanna di primo grado: l'ergastolo con isolamento diurno per 18 mesi.

FemminicidioItalia.info utilizza i cookie. Puoi negare il consenso al loro uso consultando l'informativa estesa.